A-B-C-D

Accessibilità

Per accessibilità (nell‘accezione “informatica” del termine) s’intende la capacità di un sito web o di un qualsiasi dispositivo informatico di poter essere utilizzato agevolmente da qualsiasi utente (sia nell’interfaccia che nel contenuto), a prescindere da particolari abilità o disabilità dei potenziali fruitori. Il termine è normalmente riferito al problema dell’accesso alle risorse informatiche da parte di individui con disabilità o menomazioni fisiche, motorie e psichiche (non vedenti, non udenti ecc.), o di persone con disponibilità di strumenti hardware e software limitati. L’accessibilità informatica viene promossa e sostenuta da leggi nazionali e internazionali, riferite soprattutto ad enti pubblici che propongono contenuti web per un’utenza piuttosto larga. Quello dell’accessibilità è un principio fondamentale per poter raggiungere una reale “democratizzazione” del web: requisito fondamentale per un accesso a tutti gli effetti “universale” aldilà di impedimenti individuali.

Asset: asset / ˈæset/  Italiano: qls. bene di proprietà di un’azienda che possa essere monetizzato.

  1. n.
    1. econ. bene m.
    2. fig. (advantage) vantaggio m., risorsa f.
      (person) risorsa f.
  1. assets n.pl. (private) beni m., patrimonio m.sing.; comm. econ. dir. attivo m.sing.; and liabilities attivo e passivo.

cartella editoriale

La cartella editoriale è l’unità di misura che indica, in ambito editoriale, una quantità di testo predefinita. Equivale a circa 1800 caratteri distribuiti in 30 righe di circa 60 battute ciascuna (nella battuta sono compresi anche gli spazi tra una parola e l’altra).

cool hunting

Il termine nato negli Stati Uniti negli anni ottanta, rappresenta uno strumento del marketing, esploso tra la fine del XX secolo e l’inizio del XXI secolo. Lo scopo del cool hunting è osservare le tendenze e i modelli culturali che sono in via di formazione o evoluzione nei media, nella moda e più in generale nelle pratiche quotidiane degli attori sociali. “Cool” è un termine in uso nello slang anglosassone e significa letteralmente fresco, ma fu usato nell’accezione di “qualcosa di nuovo” a partire dagli anni sessanta mediando un’espressione di origine musicale collegata al nuovo stile del Jazz. Associato prima alle subculture giovanili e fatto proprio dal linguaggio pubblicitario a partire dagli anni ottanta, il termine è entrato anche nel vocabolario dei giovani non solo anglosassoni.

DRM

Il DRM, acronimo di Digital Rights Management, ovvero gestione dei diritti digitali, è un sistema di protezione dei file che consente la tutela del diritto d’autore dei contenuti digitali. Gli ebook protetti da DRM Adobe consentono di leggere gli ebook acquistati su un massimo di 6 dispositivi autorizzati dallo stesso Adobe ID. Gli ebook protetti da DRM Adobe non consentono di stamparne, copiarne o modificarne il contenuto.

Annunci
commenti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...