Archivio per agosto, 2016

Scrivere fiction, di Philip Roth

Pubblicato: 16 agosto 2016 in News

Grafemi

Anche se in Italia è conosciuto quasi esclusivamente per i suoi numerosi romanzi, Philip Roth è stato, e forse è ancora, un critico letterario piuttosto lucido ed incisivo, che non smentisce la sua natura di intellettuale vivacemente polemico. In questi anni, un pezzettino alla volta, ho letto “Reading myself and others”, una raccolta di saggi uscita in America nel 1975, quando Roth era un romanziere non ancora pienamente espresso (anche se lui riteneva già di essere un grande: o almeno questa è l’impressione che ci si fa partendo dal modo in cui parla di se stesso): c’era stato il successo planetario di “Lamento di Portnoy”, che però si inseriva in una sequenza di libri non propriamente memorabili; solo con “Lo scrittore fantasma”, pubblicato nel 1979, inizia quella che io considero il più importante corpus letterario della seconda metà del ventesimo secolo, che si concluderà solo nel 2007 con “Il fantasma…

View original post 2.141 altre parole

Annunci

PRIMA PARTE

#LIBRINFESTIVAL MINUTO PER MINUTO 2

SFOGLIANDO LE PAGINE DI “STAGIONINCITTÀ”, LA CARRELLATA DEGLI INCONTRI DI #LIBRINFESTIVAL CONTINUA CON I LIBRI PRESENTATI NELL’AMBITO DELLA MARATONA LETTERARIA NEI MESI DI NOVEMBRE, DICEMBRE 2015, GENNAIO 2016

#Librinfestival, mestierelibro

#lIBRINFESTIVAL, MESTIERELIBRO

Sorgente: #Librinfestival minuto per minuto

Agosto, tempo di relax! 

Mentre la giuria di #Librinfestival, ligia al regolamento, approfitta del periodo di riposo per portare a termine la lettura dei tredici testi in concorso, ai blocchi di partenza si preparano autori, editori e libri in concorso per la Seconda Edizione di questa entusiasmante maratona letteraria.

Per gli assenti e per ricordare quanto fatto nella prima edizione, passiamo la parola a «StagionInCittà», progetto di rivista nato dai laboratori di editoria e scrittura di Mestierelibro, piccola scuola del libro, con articoli e racconti firmati dagli allievi dei corsi.

L’inserto, firmato da Silvia Di Tosti, propone una carrellata degli incontri che, nei primi nove mesi di vita di #Librinfestival, hanno visto protagonisti: libri, autori, editori, pubblico e giuria!

Si inizia con il mese di ottobre 2015: anteprima e primi due libri in concorso:

p.21_Librinfestivalminutoxminuto

Sorgente: StagionInCittà

#StagionIncittà numero 0: Un piccolo sogno di carta, testimonianza di un anno di impegno, libri, letture, allegria, amicizia e fiumi di té (offerti da Silvia Di Tosti) a cura di #mestierelibro e dei laboratori di editoria e scrittura.

StagionInCittà, mestierelibroLe riviste che prendono vita da un laboratorio hanno sempre un sapore artigianale. #StagionInCittà è appena nata e ha ambizioni artigiane, ma non solo. Partiamo dalla prima ambizione, il titolo: StagionInCittà. La scelta nasce sia dalla raccolta Le stagioni in città di Italo Calvino, sia dai progetti che hanno dato origine alla rivista, uno per ogni stagione.

Si inizia con mestierelibro, piccola scuola del libro, progetto finalizzato a incrementare la lettura e la conoscenza del “prodotto libro”. Riprende le linee guida delle opere di Italo Calvino che esordisce raccontando la guerra con gli occhi di un bambino e mette in scena un mondo fiabesco passato, specchio dei mali della società presente. In seguito Calvino continuerà a esplorare la fiaba, anche quando la ricerca strutturale e combinatoria si fisserà in quel piccolo capolavoro in cui Marco Polo narra all’imperatore Kublai Khan Le città invisibili, in una visione immaginaria e poetica.

Segue il progetto letteratura di carta che ama la letteratura del Novecento, quella dei contemporanei, i sempreverdi e i titoli vintage, una letteratura per ogni stagione. Si entra subito in tema con la nascita di una nuova voce nel coro dell’editoria italiana «La nave di Teseo», casa editrice diretta da Elisabetta Sgarbi fuoruscita dalla Bompiani dopo la fusione Mondadori-Rizzoli e seguita in questo nuovo progetto da un nutrito gruppo di autori.

La rubrica è curata da Emanuele Trovò, che nei fine settimana gestisce Cartacanta, bancarella dell’usato, e dal mese di agosto 2016 trasferirà la sua passione nell’omonima libreria dell’usato in via E. Riva 21, Monterotondo (Rm).

E ancora l’idea di garantire un punto informativo sul panorama dell’offerta culturale alle porte di Roma, stagione dopo stagione. Se ne occupa Silvia Di Tosti animatrice dell’iniziativa Baratto lib(e)ro, scambio di libri usati, e attiva da anni nel mondo del lavoro sociale e del cooperativismo. Il primo appuntamento per la sua rubrica è con La stagione del teatro Ramarini a Monterotondo. Seguono gli incontri con i protagonisti dei luoghi che in questa prima edizione hanno ospitato#Librinfestival.

Per finire la proposta di una guida informale su una sana e consapevole alimentazione, al passo con le stagioni, senza rinunciare al gusto. Ad animare la rubrica M. Cristina Lemmi, attenta lettrice e convinta che il mangiar sano migliori l’umore. In questo caso al nastro di partenza è presente La Pasta Madre: una moda o un ritorno alle tradizioni?

Cuore della rivista sarà un inserto reportage, completamente dedicato a #Librinfestival, maratona letteraria e festival itinerante che premia i mestieri del libro e che ha la durata delle quattro stagioni.

#StagionInCittà ha l’ambizione di voler essere una rivista curata, creativa, utile, leggera, chiara, autentica. Parla di cultura, è ricca di eventi, piena di stimoli, al punto da intrigare il fruitore più attento e partecipe. Si avvale di un gruppo di moderni apprendisti: curiosi, tecnologici, grandi camminatori, sguinzagliati alla scoperta di nuovi e più interessanti incontri culturali. Promuove i racconti degli allievi del corso di scrittura creativa sul tema del tutto casuale dei Non luoghi racconti inseriti in Prospettive.

Un programma dove l’ambizione è la spinta a realizzare un sogno, grazie anche alla partecipazione e alla generosità di quanti ci hanno creduto, seguito e sostenuto con un impegno costante. I laboratori di mestierelibro, partiti nel mese di novembre 2015 con l’entusiasmo dell’esordio, hanno superato autunno e inverno e, con l’arrivo della primavera, si apprestano a dare prova di quanto appreso. L’estate godrà dei frutti del lavoro svolto.

A tutti voi il piacere di leggerci.

Giusi R.